Arginare subito criminali e terroristi che si nascondono tra i rifugiati

Giusto aiutare donne e bambini e coloro che davvero hanno bisogno di aiuto specie se scappati da zone di guerra.

Ma dove sono le donne e i bambini?

Si tratta quasi sempre di uomini, uomini e ancora uomini.

E di quali zone di guerra stiamo parlando esattamente?

Facciamo attenzione a questo. Perché spesso e volentieri è solo una questione politica e tutto viene strumentalizzato.

Inoltre pensiamo davvero che coloro che affrontano queste traversate in mare per approdare sulle nostre Coste siano i veri poveri, gli ultimi del mondo? Con quello che costa? (Dai 3 ai 6 mila dollari).

Ma chi sono questi criminali? Da dove vengono? E perché viene data loro la possibilità di entrare clandestinamente nel nostro Paese e agire indisturbati?

E poi, se io sono povero, bisognoso e scappo dal mio Paese perché c’è la guerra, non vado in un altro Paese a comandare, imporre, compiere crimini, creare confusione, specie se il Paese ospitante non mi fa morire di fame e anzi cerca di fare il possibile per aiutarmi affinché io non cada in mano ad organizzazioni malavitose.

Ma così non è invece per molti criminali e terroristi che si nascondono tra questi profughi e con ‘scuse’ pretendono sempre di più.

E più questi chiedono, più ottengono. E più viene dato loro, più pretendono.

Ma non si può scendere a falsi compromessi con questi criminali e terroristi!

Risulta anche strano il fatto che la Giustizia Italiana non punisca con pene esemplari coloro che violentano, stuprano, rubano o vengono ospitati in alberghi e non rispettano nulla distruggendo ciò che non appartiene loro.

Non è d’aiuto anche l’atteggiamento ‘buonista’ di certi italiani che spronati da ideologie e false convinzioni politiche pensano di fare del bene.

Se tuo figlio si comporta male non lo sgridi? Se non ti ascolta non prendi provvedimenti?

Un buon padre di famiglia insegna l’educazione e il rispetto. Altrimenti è caos, anarchia.

La situazione infatti, andando avanti di questo passo non potrà che peggiorare.

Intendiamoci: accogliere un povero, un bisognoso, come insegna Gesù, è sempre cosa buona e giusta.

Ma facciamo ulteriori specifiche per non cadere in nuove strumentalizzazioni.

San Giovanni Paolo II sul tema immigrazione infatti ha anche detto: “E’ responsabilità delle autorità pubbliche esercitare il controllo dei flussi migratori in considerazione delle esigenze del bene comune. L’accoglienza deve sempre realizzarsi nel rispetto delle leggi e quindi coniugarsi, quando necessario, con la ferma repressione degli abusi“.

Celebre anche la frase di Papa Benedetto XVI: “Nel contesto socio-politico attuale, prima ancora che il diritto a emigrare, va riaffermato il diritto a non emigrare, cioè a essere in condizione di rimanere nella propria terra.

E poi, un Paese in completa crisi economica che cosa avrà mai da offrire?

L’Italia non è più il Paradiso. Non è più terra di opportunità.

Che cosa possiamo offrire a qualunque straniero che entra nel nostro Paese se non siamo in grado di sfamare i nostri figli?

Sarebbe da incoscienti non limitare questi flussi migratori sia per tutelare i nostri interessi, sia per tutelare l’interesse degli immigrati bisognosi onesti.

Altrimenti rischiamo di favorire il dilagarsi della criminalità.

Purtroppo ora l’Italia si trova a tamponare una situazione ormai ingestibile.

Una situazione che come abbiamo detto più e più volte è stata favorita.

Il fatto grave è che ora bisogna assolutamente prendere provvedimenti seri nei confronti di coloro che non hanno alcun rispetto per ogni forma di convivenza civile ma soprattutto nei confronti di questi terroristi infiltrati tra le fila di questi profughi.

Mi rivolgo a Polizia, Carabinieri, Servizi d’Intelligence italiani chiedendo di compiere ogni sforzo possibile affinché si individuino questi criminali e terroristi nascosti tra questi profughi intervenendo prontamente, così da evitare il dilagarsi di questa criminalità.

Mi rivolgo alla Magistratura: non favoriamo il compiersi di ulteriori gesti criminali da parte di questi ‘finti profughi’ che vedono il colpevole che rimane impunito e più chiedono, più ottengono. Certezza della pena per ogni delinquente.

FONTE:

ANSA. Immigrazione: un posto in barcone costa da 3 a 6 mila dollari